0

Una bambina fantastica

Sonia la amano tutti. I suoi genitori sono attenti e premurosi nei suoi confronti. Le amiche si divertono con lei a giocare sia all’aperto, durante l’intervallo, sia quando si trovano a casa sua, ed allora sono le bambole e le case delle fate a diventare protagoniste.

Sonia è una bambina intelligente e volonterosa, si impegna con passione in tutto ciò che deve fare e non sopporta quelle situazioni in cui non riesce a concludere ciò che sta facendo. La bambina ha però dovuto imparare ad essere più indulgente con se stessa perchè la dislessia, una parola strana che le hanno spiegato da poco tempo, le ha combinato un brutto scherzo. Lei davanti a un testo scritto non ci capisce più niente. Le lettere, prese una alla volta, le conosce benissimo, ma messe una in fila all’altra, la mandano in confusione. Non riesce a mettere insieme le singole lettere, a formare una parola. Non è che proprio non ci riesce. Alla fine ce la fa ma con grande fatica e a costo di enormi sforzi. Col carattere che si ritrova potete solo immaginare l’impegno che ci mette, ed infatti grazie a tutti quelli che le vogliono bene, sta cominciando a migliorare.

Sonia sta imparando delle tecniche che la stanno aiutando tantissimo; i genitori giocano con lei e attraverso il gioco mettono alla prova le sue capacità. Sonia se continua così non avrà più problemi. Perchè la dislessia, in molti casi, è risolvibile e Sonia è un esempio per tutti.

CreativaMente – Fonolandia

Fonolandia

Annunci
0

Che Storia!

Tommaso ama la Storia. E’ un bambino un po’ particolare, non per questo motivo, voler conoscere cosa è accaduto negli anni e nei secoli passati è indice di curiosità, cioè di intelligenza. Tommaso ama la Storia e spesso si trova a fantasticare su eventi e personaggi del passato. Lo fa da solo, chiuso nella sua cameretta. Non che ci stia sempre chiuso, Tommaso ha i suoi amici con cui condivide le passioni dei bambini della sua età.

Ma quello che vorrebbe è condividere anche la sua passione per la Storia, e questo proprio non lo riesce a fare. Ed allora si chiude in casa e interpreta, a seconda dell’umore e della voglia, un Napoleone ancora più basso dell’originale o un Federico (senza) Barbarossa. Quando recita la parte di Cesare si mette un (finto) alloro in testa, mentre il suo Annibale, oltre a essere senza elefanti, scavalca il letto anziché valicare le Alpi. La sua immaginazione non ha limiti e lo porta a scoprire ogni volta nuovi personaggi e nuovi mondi.

La mamma di Tommaso si chiama Donatella e non fa altro che incoraggiare la passione di Tommaso per la Storia. Però vorrebbe aiutarlo a trovare bambini della sua età che giochino con lui. Donatella è donna attenta e dotata di una fertile fantasia. Forse è proprio da lei che Tommaso ha preso alcune delle doti che lo caratterizzano. Donatella si mette al lavoro, disegna i personaggi della Storia su alcune carte, inventa dei meccanismi di gioco simpatici e coinvolgenti. Sia chiaro, mica ha il tempo e la possibilità di inventare un vero e proprio gioco in scatola, però ci mette il cuore e i bambini, con le sue carte, si divertono e piano piano iniziano a giocare con Tommaso. Ora il bambino comincia ad invitare a casa gli amici, i quali non vedono l’ora di giocare con le sue carte. Ognuno si identifica con uno dei personaggi e qualcuno se ne inventa di nuovi, uomini e donne del Futuro che chissà cosa faranno! L’immaginazione di questi bambini è magica, preziosa e infinita. Le storie che s’inventano sono divertenti e piene di vita. Quelle che rivivono, interpretando i personaggi del passato, sono curiose e avvincenti.

Donatella vede tutto questo e nel suo cuore è felice, perché il suo bambino ha trovato la sua strada. Una strada che lo condurrà lontano.

CreativaMente – E’ tutta un’altra Storia!

0

Perline

Andrea ama muovere le mani, creare dal nulla qualcosa di tangibile, da usare tutti i giorni. Per lui il lavoro è questo. Intendo dire il lavoro che da soddisfazione.
Lui in realtà è impiegato amministrativo in un ufficio anonimo, ma la sera, quando arriva a casa, non c’è televisione che tenga. Entra nel suo laboratorio e semplicemente si mette a creare.

Andrea ama infinitamente sua figlia. Adora passare il tempo con lei, condividere le emozioni, capire le sue paure e trasformarle in parole. Perché Andrea sa che le paure nascono dai non detti, con le parole si spiega come funziona il mondo e se sai come funziona il mondo hai meno paura.

Questa sera Sofia, questo è il nome della bambina di Andrea, è anche lei in laboratorio. I suoi 10 anni appena compiuti le hanno fatto venire in mente che vorrebbe una collanina al collo.
Andrea è entusiasta dell’idea. No, non del fatto che voglia un collana, ma che sarà lui a crearla. Questa volta vuole usare il legno, un materiale nobile, ecologico e caldo.
Si è già messo al lavoro e già sul suo tavolone, pieno di attrezzi, sono allineate delle perline, tonde e ancora grezze.
Ora le sta affinando, poi le colorerà di verde. Sofia le vuole così, su questo è stata chiarissima.
Domani infilerà tutte le perline e la collana sarà pronta. Tutta in legno, esattamente come la voleva lei.

Sono queste le soddisfazioni che Andrea cerca nella vita. Il sorriso di sua figlia e la forza delle sue mani al servizio della creatività.

Milaniwood – Perline verdi

0

Il blog de IlGiocoEducativo

Buongiorno a tutti!

Siete appena entrati nel blog del sito IlGiocoEducativo. Dal mese di Agosto inizieremo ufficialmente a vendere online, mentre questo sarà il luogo più culturale, dove vi presenteremo le nostre idee riguardo a ciò che è importante per l’infanzia, per i bambini e gli adolescenti.

Stiamo ancora definendo i contenuti delle altre pagine di questo blog, ma se volete scriverci qualcosa, se avete consigli da darci o richieste particolari, alla pagina Contatti trovate un form che potete compilare.

A presto!

Alessandro e Michela